lunedì 31 luglio 2017

PREFERITI DEL MESE DI LUGLIO

Ciao a tutti lettori anonimi, come state?
Agosto si sta avvicinando, e non so voi, ma mi sembra che questo mese di luglio sia trascorso troppo velocemente.
Ad ogni modo oggi finisce luglio, ciò significa "I miei preferiti del mese!"; fatemi sapere se avete apprezzato qualche cosa che vi cito, o i vostri preferiti.

Libro preferito:


 

Questo mese ho avuto il piacere di leggere più di un titolo, ma sicuramente il mio preferito è stato "Il buio oltre la siepe" di Harper Lee. Questo libro dalla doppia trama, è una lettura che ti fa vivere un'esperienza con il cuore, spunto di numerose riflessioni, e incentivo nel migliorare, con il nostro piccolo, la nostra società, fino ad imparare che a volte il pregiudizio bisognerebbe evitarlo.
Ad ogni modo per una recensione più approfondita, e un parere del rispettivo film, cliccate qui.






Manga preferito:

In questo mese ho avuto il piacere di leggere due manga, ma il mio preferito è assolutamente Death Note I (il primo volume della black edition). Trovo i disegni meravigliosi, la costruzione del personaggio Ryuk (dio della morte), splendida, e la trama è molto intrigante, spingendomi ad andare avanti con la lettura del fumetto.
La serie Death Note parla di Light Yagami, uno studente delle scuole superiori che trova un quaderno dai poteri soprannaturali chiamato Death Note, gettato sulla Terra dallo shinigami (dio della morte) Ryuk. L'oggetto dona all'utilizzatore il potere di uccidere chiunque semplicemente scrivendo il suo nome sul quaderno, mentre ci si figura mentalmente il volto. Light intende usare il Death Note per eliminare tutti i criminali e creare un mondo dove non ci sia il male, ma i suoi piani saranno contrastati dall'intervento di Elle, un famoso investigatore privato, chiamato a indagare sul caso delle misteriose morti dei criminali.

Film preferito:





Assolutamente la rivisitazione della storia Disney di "La Bella e la Bestia": un capolavoro commovente che mi ha lasciato senza parole. Semplicemente meraviglioso dai costumi, alle interpretazioni, ai paesaggi, a tutto. L'unica cosa è che avrei preferito sentire le canzoni in lingua originale (con i sottotitoli in italiano), non perché l'interpretazione italiana non mi sia piaciuta, anzi, solo che Emma Watson che canta? E' un evento straordinario.





Serie tv preferita:

Pretty Little Liars sesta stagione. Non posso dire nulla per non fare spoiler a coloro che non l'hanno vista..cavolo hahahah



Trucco preferito:

Tra i vari prodotti make up, questo mese ve ne cito due:





Il primo è lo smalto Kiko 331 violetto. Uno smalto con un colore molto bello, che dona brillantezza alle vostre unghie con un colore pieno, e di buona durata.









Il secondo prodotto è il mascara "All eyes on me" di Essence.
Trovo che questo mascara, dal prezzo basso e conveniente, sia validissimo: la quantità di prodotto lasciato nelle ciglia non è eccessivo, effetto durevole, effetto naturale e dallo sguardo "aperto" e dona volume alle ciglia. Inoltre il prodotto rimasto nella confezione non si secca, a differenza di altri mascara. Super consigliato.



Accessorio preferito:

Assolutamente la cover di Harry Potter personalizzata, realizzata da www.la-tua-cover-personalizzata.it. Anche di questa trovata la recensione nel blog qui.


Musica preferita:

Anche questo mese mi trovo in difficoltà a scegliere una sola canzone, sopratutto per il fatto che ne ho ascoltate tantissime, ma ve ne cito due delle mie preferite:


Sorry Not Sorry-Demi Lovato




Bad Liar-Selena Gomez


Al prossimo post!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-




venerdì 28 luglio 2017

ERRORE

Salve lettori anonimi, ma oggi sono qui per scusarmi per l'errore nella visualizzazione dei post nel blog.

L'errore consiste nel visualizzare delle frasi di un vecchio post, a caso, nel blog.
Non so ancora da cosa sia causato, ma spero di poter risolvere presto o se voi avete qualche idea e suggerimento, vi chiedo di farmelo sapere per favore.

Scusate e grazie!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-

NUOVA USCITA

 C’è una cosa che dovete sapere: il mio cuore è al posto sbagliato. Tutti i miei organi interni si trovano sul lato opposto rispetto al normale. Sono fatta a rovescio: uno scherzo della natura. Sette miliardi di persone su questo pianeta hanno il cuore sul lato sinistro. Il mio è a destra. Non vi sembra un segno?
Il cuore di mia sorella è al posto giusto. Elizabeth è perfetta, dall’inizio alla fine. Sono l’immagine speculare della mia gemella, il suo lato oscuro, la sua ombra. Lei ha ragione e io ho torto. Lei è destrorsa e io mancina. Sono la sorella sinistra. Beth è un angelo, e quindi io cosa sono? Aspettate a rispondere…

In traduzione in 25 paesi, e i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla Universal Pictures.

AFFRETTATEVI OFFERTA COVENIENTE!


UNA COVER PER UN LIBRO

Ciao a tutti lettori anonimi, come state?
Chi ama leggere e rimane “fissato” con alcuni titoli, potrebbe iniziare ad entrare nel vasto mondo chiamato Fandom.
Quando si inizia a fandomizzare, spesso si vuole il gadget della serie, una foto con l'autore del libro, e così via, ma avete mai pensato di realizzare una cover personalizzata?
Io l'ho fatto, ed è stato possibile grazie a www.la-tua-cover-personalizzata.it, che mi ha permesso di realizzare una cover di mia immaginazione, e il risultato è stato questo: 


Sapete quanto io ami Harry Potter, quanto ne sia affezionata, e ora ho pure la cover del telefono a tema...sono super contenta!

Realizzarla è semplicissimo, ci sono tantissimi modelli di cover e telefoni (o altri dispositivi) a disposizione, e una volta selezionato, potrete realizzare la vostra cover con immagini prese da internet o foto scattate da voi, potrete scegliere lo sfondo e un testo da scrivere tra i vari stili proposti.

Insomma, realizzare la vostra cover è semplicissimo e il risultato è fantastico: l'immagine viene stampata in maniera perfetta, i colori sono bellissimi e di alta qualità, lo stesso vale per tutta la cover che è resistente e adatta per il telefono, lasciando il giusto spazio per i vari tasti e collegamenti presenti ai lati del dispositivo.

I costi mi sembrano adeguati per un'alta qualità come quella fornita da questo sito, i tempi di realizzazione non sono né troppo lunghi e né troppo corti (consiglio di effettuare l'ordine 15 giorni prima della data desiderata); una volta conclusa la realizzazione riceverete una mail che vi informerà dell'avvio alla spedizione del prodotto, e la consegna entro una settimana.

Un regalo perfetto per ogni occasione, una cover del vostro fandom preferito e un' accessorio originale per voi.

Inoltre per chi mi segue c'è un buono sconto de 10% su un vostro acquisto, semplicemente inserendo il seguente codice: ABOPART10
Affrettatevi ed iscrivetevi al mio blog!

Un saluto a tutti!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-

mercoledì 26 luglio 2017

RECENSIONE IL BUIO OLTRE LA SIEPE DI HARPER LEE

Salve lettori anonimi, oggi sono qui con voi per recensirvi il romanzo "Il buio oltre la siepe" della scrittrice vissuta tra il 1926 e il 2016 in America. Nelle Harper Lee studiò legge e poi si impiegò a New York presso una compagnia aerea. Amica di Truman Capote da quando aveva tre anni, fu consigliata da lui a mettere per iscritto i racconti che gli andava facendo della propria infanzia. Un giorno abbandonò l'impiego per scrivere il suo libro: Il buio oltre la siepe, pubblicato nel 1960(tradotto in Italia da Feltrinelli nello stesso anno e attualmente disponibile anche in audio libro), che le valse un immediato e strepitoso successo di pubblico e il premio Pulitzer 1960. Nel 2007 le è stata conferita dal presidente Bush la prestigiosa Medaglia della Libertà per i suoi meriti letterari. Feltrinelli ha anche pubblicato, Và, metti una sentinella(2015), il romanzo ritrovato di Harper Lee, ambientato vent'anni dopo il suo capolavoro.



Un romanzo consigliato da Barack Obama contro ogni razzismo e discriminazione.



Questo romanzo scritto 57 anni fa, lo ho sentito nominare più volte nei film, nei libri, per tv...ovunque, ma non capivo mai che storia poteva avere al suo interno.

Dopo anni di curiosità ho deciso di prenderlo, senza nemmeno leggere la trama, e conoscendo poco o niente ho iniziato la lettura.



Titolo: Il buio oltre la siepe

Titolo originale: To kill a mockingbird

Lingua originale: inglese

Autrice: Nelle Harper Lee

Traduttrice: Amalia D'Agostino Schanzer

Editore: Feltrinelli

Anno: 1960

Genere: romanzo

Sottogenere: narrativa contemporanea

 Formato che ho e prezzo di copertina: brossura a euro 9.90

Adattamenti cinematografici:diretto da Robert Mulligan, è stato pubblicato l'ononimo film nel 1962



In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un afroamericano accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'nnocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scndalizza le signore con un linguaggio poco ortodosso, testimone e protagonsta di fatti che nella loro attività e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare leve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte, in pagine di grande rigore stilistico e condotte con bravura eccezionale.



Il libro apparentemente potrebbe avere due storie senza un filo che le intrecci, ma in realtà solo andando avanti con la lettura vi renderete conto dell'errore commesso.

Il buio oltre la siepe è un romanzo narrato dalla voce adulta di Scout, una dei protagonisti, che ricorda la sua giovane età con pensieri ingenui, ma profondi; Scout, una bambina di nove anni, viveva nella vecchia Maycomb con il fratello maggiore Jem, il padre avvocato Atticus Finch e passava le giornate estive con l'amico Dill.




Maycomb era una cittadina abbastanza vecchia, con persone in età avanzata e piene di pregiudizi: un esempio lo è la storia di Boo Radley, un uomo che viveva nella via di quella piccola cittadina, ma che non veniva mai fuori casa. Egli era ritenuto da tutti pericoloso, pazzo, malato di testa ed imprevedibile senza conoscerlo, e per tali motivi escluso dalla vita cittadina. 
 

I giovani bambini passavano le loro vacanze inventando teatrini su lui, la sua vita e i misteri racchiusi nella sua casa; quando la storia sembrava concentrata su questo mistero, la lettura e la vita pacifica a Maycomb viene travolta dal caso Tom Robinson.

Lui era un giovane uomo di colore, con una moglie e dei giovani figli, che lavorava come contadino per ottenere quel poco per far vivere la famiglia; egli venne accusato di violenza carnale verso la figlia di Bob Ewell, uomo con la fama di vivere senza regole.

Atticus, il padre di Scout e Jem, decide di prendersi l'incarico di difensore del signor Robinson, pronto a far valere il senso di giustizia contro un'accusa infondata.

Durante il periodo del processo lui , con grande coraggio, mette alla luce una cittadina dalla mentalità chiusa e ricca di pregiudizi, e lo si legge in questa sua frase:



« alcuni neri mentono, alcuni neri sono immorali, alcuni neri non possono essere lasciati accanto alle donne nere o bianche che siano. Ma questa è una verità che si può applicare a tutta la razza umana.. »



E' proprio la paura del diverso e della diversità a diventare punto centrale della narrazione. La scelta di mettere in primo piano il punto di vista di una bambina ingenua e priva di pregiudizi, riesce a trattare con delicatezza un tema importante ed attuale in ogni contesto.

In questo romanzo riusciamo a vivere indirettamente, gli aspetti e le conseguenze nel sud degli Stati Uniti degli anni '30, come la crisi e la depressione finanziaria, le paure legate allo spettro e ai miti, segregazione razziale, chiusura mentale a ogni tipo di conoscenza, ma condizionata da qualsiasi pregiudizio, di diffidenza e di odio verso la cultura e la gente nera.

Una lettura che si legge con il cuore, e nonostante i suoi 57 anni, è una lettura assolutamente contemporanea, che lascia emozioni e riflessioni nello spirito del lettore.

Una trama semplice, ma ben costruita a partire dalle perfette caratteristiche e costruzioni dei personaggi che non cadono mai nel banale, alle ambientazione di una vecchia America; il tutto scritto con un linguaggio altrettanto semplice, ma allo stesso tempo raffinato.

Trovo molto significativa l'idea messa alla luce dalla Scout adulta, ossia che crescendo la gente sfortunatamente si fa condizionare solamente dai pregiudizi, per paura di ciò che non conosciamo ed è diverso da noi.

Ho apprezzato molto il personaggio di Atticus Finch, un uomo pieno di coraggio e pronto a rischiare per ottenere giustizia, con sani valori e principi che al giorno d'oggi sono spariti all'interno di una comunità che ha solo sete di denaro.

Infine i temi tratti gli trovo molto importanti, ossia il pregiudizio, la paura del diverso, l'ignoranza umana, l'ingiustizia che lascia una briciola di speranza per le generazioni future, e per un cambiamento per un mondo migliore.

Concludo dicendo che questo libro, lo ho vissuto come una bellissima esperienza, che mi ha fatto comprendere ancora di più il lato negativo del mondo in cui vivo, ossia un mondo che non ha voglia di provare a conoscere la diversità, ma che potrebbe rivelarsi una scoperta più che positiva.

In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un "negro" accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'innocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperteCitazioni:

VOTO: 4/5











Ho avuto il piacere di vedere anche il film tratto da questo romanzo, che mi è piaciuto, ma non ho apprezzato il taglio di alcuni personaggi e scene che avrei voluto vedere. Insomma, ho preferito il libro al film.









E voi avete letto il libro o visto il film?


Al prossimo post!
-La ragazza che si nasconde diero un libro-


In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un "negro" accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'innocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte
In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un "negro" accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'innocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte.
In una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti l'onesto avvocato Atticus Finch è incaricato della difesa d'ufficio di un "negro" accusato di violenza carnale; riuscirà a dimostrarne l'innocenza, ma l'uomo sarà ugualmente condannato a morte. La vicenda, che è solo l'episodio centrale del romanzo, è raccontata dalla piccola Scout, la figlia di Atticus, un Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio non proprio ortodosso, testimone e protagonista di fatti che nella loro atrocità e violenza non riescono mai a essere più grandi di lei. Nel suo raccontare lieve e veloce, ironico e pietoso, rivive il mondo dell'infanzia che è un po' di tutti noi, con i suoi miti, le sue emozioni, le sue scoperte.

martedì 25 luglio 2017

RECENSIONE PER DIECI MINUTI DI CHIARA GAMBERALE

Salve a tutti lettori anonimi, oggi nuova recensione di un romanzo citato da molti book tuber e book blogger, ossia Per dieci di minuti, scritto da Chiara Gamberale, una scrittrice che vive a Roma, dove è nata nel 1977. Ha esordito nel 1999 con Una vita sottile, seguito da Color Lucciola(2001), Arrivano i pagliacci (2003), La zona cieca (2008, premio selezione Campiello), Le luci nelle case degli altri (2010), L'amore, quando c'era (2012) e Quattro etti d'amore. grazie (2013). E' autrice e conduttrice di programmi televisivi e radiofonici, tra cui Quarto piano scala a destra, su Rai Tre, e Io, Chiara e L'Oscuro, su Radio Due. Collabora con "Vanity Fair" e "Donna Moderna", e tiene un blog sul sito di "Io Donna" del "Corriere delle Sera". 

Titolo: Per dieci minuti

Lingua originale: italiano

Autrice: Chiara Gamberale

Editore: Feltrinelli

Anno: 2013

Genere: romanzo

Sotto genere: narrativa contemporanea

Formato che ho e prezzo di copertina: rilegato a euro 16.00

Adattamenti cinematografici: //
Dieci minuti al giorno. Tutti i giorni. 
Per un mese. 
Dieci minuti per fare una cosa nuova,
mai fatta prima. 
Dieci minuti fuori dai soliti schemi. 
Per smettere di avere paura. 
E tornare a vivere. 
Tutto quello con cui Chiara era abituata a identificare la sua vita non esiste più. Perché, a volte, capita. Capita che il tuo compagno di sempre ti abbandoni. Che tu debba lasciare la casa in cui sei cresciuto. Che il tuo lavoro venga affidato a un altro. Che cosa si fa, allora? Rudolf Steiner non ha dubbi: si gioca. Chiara non ha niente da perdere, e ci prova. Per un mese intero, ogni giorno, per almeno dieci minuti, decide di fare una cosa nuova, mai fatta prima. Lei che è incapace anche solo di avvicinarsi ai fornelli, cucina dei pancake, cammina di spalle per la città, balla l'hip-hop, ascolta i problemi di sua madre, consegna il cellulare a uno sconosciuto. Di dieci minuti in dieci minuti, arriva così ad accogliere realtà che non avrebbe mai immaginato e che la porteranno a scelte sorprendenti. Da cui ricominciare. Chiara Gamberale racconta quanto il cambiamento sia spaventoso, ma necessario. E dimostra come, un minuto per volta, sia possibile tornare a vivere.
 
Questo libro scritto sotto forma di diario da parte di Chiara, appartiene ad una donna di 32 anni, che all'improvviso si ritrova a vivere a Roma, città lontana dal suo paese natale, con il marito. Qui inizieranno una serie di problemi tra i due, tanto che l'uomo sente la necessità di trasferirsi a Dublino per rifarsi una vita. In quel periodo Chiara per il suo amato lavoro, e cade in una sorta di depressione, tanto che la sua terapeuta le consiglia di provare a fare qualcosa di nuovo, per un mese, ogni giorno, per dieci minuti.



Questo è il breve resoconto che posso farvi della storia che soprannomino “Diario di un impegno”, con una trama semplice, ma che lascia spazio a riflessioni.

Di questa lettura non so dire molte, se non il fatto che non è stata né una lettura negativa, ma neanche una delle migliori, nonostante ciò vi dirò quello che penso, e lascerò a voi la scelta di leggerlo o meno.



Ho apprezzato il messaggio di lottare (sempre) verso il cambiamento, perché a volte è l'unica cosa necessaria per rialzarsi da un momento difficile; lottare anche con piccoli traguardi quotidiani, senza troppa fretta, ma che ci renda comunque felici e soddisfatti ogni giorno di noi stessi. Il tutto si può fare anche con un po' di fantasia e pazzia.



Punti negativi di questa lettura sono lo stile e la scelta della struttura del libro.

Per quanto riguarda lo stile di scrittura, come detto prima è semplice, ma a volte cade in ripetizioni e perdite del ritmo narrativo, che danno la sensazione di voler arrivare al capitolo successivo il prima possibile; infine, trovo la scelta della struttura del libro sotto forma di diario, non una delle migliori, perché penso che abbia tolta parte della sua forza da rimanere impressa nel lettore.

VOTO: 2.5/5 (a malincuore) 

Citazioni:
Da quando la mia vita è vuota, non mi ero accorta che fosse così piena”, scrive Chiara, facendo un salto dal suo palazzone di timidezza e pacata indifferenza situato nei pressi dell'inospitale Egoland.

"E allora mi dico che, se nel mondo ci sono persone che suonano il violino, cambiano i pannolini, girano video porno amatoriali, insegnano hip-hop, seminano e leggono Harry Potter, fra sette miliardi ce ne sarà almeno una che stava aspettando proprio me, nei dieci minuti in cui io la incontrerò."

"Si diventa così sordi, quando la paura di perdersi supera la voglia di trattenesi."

"Ci sono persone che non dobbiamo sforzarci di accogliere: sono già entrate nella nostra vita mentre noi non cene rendevamo conto. Mentre a chissà cos'altro stavamo pensando.. 
E allo stesso modo, ci sono persone che non dobbiamo sforzarci di allontanare. Di fatto sono già fuori. Anche loro, sono uscite mentre non ce ne rendevamo conto." 

"Non resistere al cambiamento. Buttati."

"Leggiamo per noia, per curiosità, per scappare dalla vita che faciamo per guardarla in faccia, per sapere, per dimenticare, per addomesticare i mostri tra la testa e il cuore, per liberarli."
 
Sfortunatamente so dirvi solo questo, spero che vi abbia fatto piacere il mio parere.

Voi avete letto Per dieci minuti di Chiara Gamberale?

Al prossimo post!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-
 

AGGIORNAMENTI BLOG

Salve a tutti lettori anonimi, per tenervi sempre più compagnia, ho pensato di essere presente in questo modo:
- 1 post alla settimana a tema libroso
- 1 post alla settimana a tema lifestyle
- l'ultimo giorno del mese il post dei preferiti
- inoltre non sono esclusi post aggiuntivi

In caso di eventuali cambiamenti, vi farò sapere.

Se avete consigli o pareri, fatemi sapere, e per chi desidera contattarmi visitate la pagina "contatti".
A presto!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-






 

venerdì 14 luglio 2017

CONSIGLI LETTURE ESTIVE IN INGLESE

Salve a tutti lettori anonimi, oggi ho ammirato i miei libri per l'ennesima volta, e ho voluto scrivere questo post per darvi dei consigli di letture in inglese, sia per principianti, sia per coloro che vogliono una lettura "frivola".

Questi titoli che vi proporrò sono titoli usciti per il World Book Day, e trovo carina l'idea di realizzare piccoli libriccini al prezzo di circa 1 euro; inoltre con il loro piccolo formato, credo che siano perfetti da infilare in borsa per avere sempre piccole letture, non impegnative, sempre con sè.


 


E a voi quale titolo interessa? Ne avete letto uno?
Al prossimo post!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-


Acquisti qui i tuoi libri! Acquisti qui i tuoi libri in lingua!

mercoledì 12 luglio 2017

PROPOSTE LETTERARIE DA "SAPER SCRIVERE"

Ciao a tutti lettori anonimi, oggi vi presento tre proposte letterarie da parte dell'agenzia Saper scrivere, con cui ho iniziato a collaborare da pochi giorni.


L’AMERIKANO
Europa Edizioni, collana Edificare universi, è lieta di annunciare
la pubblicazione de L’Ammerikano,

un romanzo di Pietro De Sarlo


Titolo: L’Ammerikano

Autore: Pietro De Sarlo

Editore: Europa (Edificare universi)

Data di uscita: 22 novembre 2016

Pagine: 204; prezzo: 9, 49 (ebook); 12, 67 (cartaceo)

ISBN-10: 8893840391



Il tranquillo scorrere della vita a Monte Saraceno, un piccolo paese dell’Appennino lucano, viene sconvolto dall’arrivo di un uomo dal passato oscuro e inquietante: l’Ammerikano.



Wilber Boscom, l’ultimo discendente di una coppia emigrata clandestinamente negli Stati Uniti, ha appena portato a compimento la sua personale e atroce vendetta contro una famiglia mafiosa italo-americana, gli Zambrino, ed è per questo costretto a fuggire per evitare sanguinose ritorsioni. Ma appena l’uomo approda nel piccolo centro all’ombra dei pozzi di petrolio della Val D’Agri, il suo passato si intreccia con la placida realtà del luogo, alterandone inevitabilmente gli equilibri e innescando una sequenza di eventi che vede in Vincenzo, un suo lontano parente, un contraltare perfetto del protagonista.

La fitta trama di questo libro si snoda in modo piacevole, alternando tragedia e commedia, noir e rosa, ma tenendo sempre alto il livello emotivo della narrazione, e ciò che scorre sotto la superficie del romanzo, condotto con uno stile avvincente e al contempo ironico, è una sovrapposizione di strati splendidamente contrastanti, dove finanza e traffici internazionali si mischiano alle tradizioni e ai vizi di un’Italia che non c’è più. Che crediamo non ci sia più…
 
I QUATTRO REGNI
La Astro Edizioni, collana E-sordisco, è lieta di annunciare
la pubblicazione de I quattro regni,

un romanzo di Pietro Davide Tulipano





Titolo: I quattro regni

Autore: Pietro Davide Tulipano

Editore: Astro (E-sordisco)

Data di uscita: 27 marzo 2017

Pagine: 364; prezzo: 1, 99 (ebook)

ASIN: B06XVWQNYT





Gli orchi, antichi nemici degli uomini, nani ed elfi, stanno effettuando una corsa agli armamenti. Il re, allarmato, cerca alleati, i quali nominano un’ambasciata composta dai loro guerrieri più abili e fidati e da uno dei paladini, saggi guerrieri custodi della pace. Tra loro ci sarà anche un abile cacciatore dal passato misterioso, appartenente a un’antica razza ormai quasi del tutto estinta. Con il benestare del re degli uomini, si aggiungerà alla spedizione anche una giovane ragazza, Aisling, figlia di un nobile generale del regno.

Intanto Déltan, un giovane contadino orfano di padre, conduce la sua esistenza tranquilla in una piccola città del regno, sognando un giorno di esplorare il mondo. Una sera la sua città viene attaccata da mostruose creature anfibie. I cittadini e i soldati resistono all’attacco, ma buona parte della città è data alle fiamme. Déltan non riesce a salvare sua madre e il giorno seguente decide di unirsi all’ambasciata di Aisling.

ELIAL. IL FIGLIO DEI DUE POPOLI

Titolo: Elial. Il figlio dei due popoli

Autore: Giovanni Nikiforos

Editore: Atene Edizioni

Prezzo: 16, 92 € (copertina flessibile)

Pagine: 408

ISBN 10: 8888330712

ISBN 13: 978-8888330716



Un male assoluto sta sorgendo su lande un tempo pacifiche: arcane potenze devastano la Natura, seminando la desolazione fra i popoli liberi. In un universo dominato dalla magia, che si manifesta attraverso i doni della madre, a una strana Compagnia viene affidata una missione dal Principe Drago, garante di pace e armonia, contrapposto all'oscuro gemello. La missione si trasformerà ben presto in un'epica vicenda che deciderà le sorti del mondo, sul filo di una profezia che ha due facce e che può significare vita oppure morte. Tutto ruota intorno alla figura del giovane Elial, il figlio dei Due Popoli, erede inconsapevole di stirpi che affondano le proprie radici negli elementi primordiali. Il potere di cui è depositario potrà portare alla sopraffazione totale di ogni cosa buona o al ristabilirsi dell'equilibrio e del benessere. Età di lettura: dai 14 anni.



Spero che qualche titolo abbia catturato la vostra attenzione :)
Al prossimo post!
-La ragazza che si nasconde dietro un libro-
Acquisti qui i tuoi libri!

mercoledì 5 luglio 2017

NUOVA COLLABORAZIONE CON "SAPER SCRIVERE"

Salve a tutti lettori anonimi, e benvenuti in un nuovo post!
Oggi sono qui per informarvi e farvi conoscere una nuova collaborazione con "Saper scrivere", un'agenzia letteraria che si occupa di correzione di bozza, editing, scouting, traduzioni e impaginazioni, ghostwriting e anche ufficio stampa
 
Ha il compito di rappresentare gli autori italiani presso gli editori nazionali. Con un occhio sempre attento agli scrittori più validi, originali e meritevoli del panorama esordienti, Saper Scrivere collabora con editori – piccoli, medi e grandi – che operano nel settore con professionalità e competenza.
Questo è importante grazie alla figura professionale dell'agente letterario, che funge da tramite tra gli autori e le case editrici. Il mercato editoriale attuale è una giungla di editori, aspiranti autori, redattori e figure non ben definite nella quale è difficile orientarsi e muoversi in maniera corretta. Troppo spesso gli autori, sia affermati che esordienti assoluti, non conoscono il modo corretto di presentarsi a una casa editrice, né hanno le conoscenze per distinguere un editore serio da un editore improvvisato. Qui entra in gioco l’agente letterario: il suo compito è quello di selezionare gli autori migliori, gli scrittori più originali e validi, e di presentarli agli editori di sua fiducia. Saper Scrivere è un’agenzia letteraria che lavora con gli autori, sia affermati che esordienti, selezionando i manoscritti migliori e proponendoli agli editori con cui collabora: editori di qualità, che fanno scouting, editing e promozione, e che possano rappresentare il giusto approdo editoriale per un bravo autore. È ovvio che l’agenzia letteraria, per sua natura fisiologica, rappresenta una corsia preferenziale attraverso la quale proporsi a un editore; ed è ovvio anche che non tutti gli autori entrano a far parte della scuderia di Saper Scrivere, ma solo i migliori, selezionati dall’agenzia. 

Inoltre "Saper scrivere" è anche un un service editoriale completo che spazia dalla correzione di bozza all'editing professionale a vari livelli, dall'impaginazione alla traduzione, dalla scrittura dei paratesti al ghostwriting e al copywriting.

Ancora oggi, in Italia, molti autori o aspiranti tali ignorano il ruolo fondamentale dell’editor. Eppure è strano, dato che il nostro paese ha partorito uno dei più autorevoli precursori del mestiere (un certo Italo Calvino, archetipo dell’editor contemporaneo), e che l’editing ormai è una fase acquisita come indispensabile, e spesso determinante, dall’attuale filiera editoriale. Inoltre, l’editor viene spesso confuso con il correttore di bozze, e anche questo è un errore. Fermo restando l’importanza di una correzione di bozza, l’editor svolge un altro lavoro. L’editing consiste nella revisione integrale di un testo, nel processo di analisi, correzione e modifica di un romanzo/saggio. Questa revisione deve essere compiuta in concerto con l’autore: è una fase indispensabile e determinante giacché consente di evidenziare lacune, errori, incongruenze, ingenuità narrative, con l’obiettivo di porvi rimedio. Gestione del punto di vista, descrizione delle ambientazioni, verosimiglianza dei dialoghi, uso dello show don’t tell, scansioni dirette e indirette, gestione degli intercalati e delle didascalie, struttura narrativa: l’editor esamina ognuno di questi aspetti, li sviscera, li commenta, li spiega all’autore e li modifica assieme a lui, allo scopo di portare il testo a un livello superiore. Allo scopo, in ultima analisi, di approdare a un lavoro degno di essere proposto a una vera casa editrice. Perché sono tanti, troppi i manoscritti che ogni giorno affollano le scrivanie degli editori. L’unico modo per distinguersi è quello di proporre un testo curato, editato, corretto. Un testo originale e revisionato. Un testo di qualità.

Ringrazio ancora di cuore Elisa Costa, che è stata molto gentile e disponibile, e spero in una bella e lunga collaborazione con lei ed il resto della redazione.

E per voi lettori vilascio ilink delle loro pagine Facebook e del loro sito, che vi consiglio di leggere:




Un saluto a tutti!

-La ragazza che si nasconde dietro un libro-